gototopgototop
Caffe_Roma_475x120Ricco_banner_testata_2__475x120

Putignano Informatissimo, il giornale di Putignano

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Home Attualità Impianto di compostaggio: Rifondazione Comunista chiede delucidazioni al Sindaco
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Banner

Impianto di compostaggio: Rifondazione Comunista chiede delucidazioni al Sindaco

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Attualità
Scritto da Administrator   
Sabato 04 Marzo 2017 09:13

Riceviamo e pubblichiamo....

PRifondazione_Comunista_-_Bandierautignano Ba - Anche l'estrema sinistra putignanese esprome le proprie preoccupazioni e il proprio dissenso in merito alla prospettata realizzazione di un impianto di compostaggio di rifiuti organici, da parte della locale amministrazione, alla periferia di Putignano.


Il comunicato di Rifondazione Comunista Putrignano.

'Oggetto; impianto di compostaggio

Egregio sig. Sindaco Domenico Giannandrea,

siamo a chiederLe delucidazioni circa la delibera del 05 gennaio u.s., riguardante la manifestazione di interesse per la costruzione di un mega-impianto di compostaggio da installare nel nostro Comune.

Precisiamo, innanzitutto, che non siamo contrari alla realizzazione di un impianto che chiuda la filiera della raccolta differenziata e, nello specifico, di un impianto di compostaggio per la frazione umida che ogni comunità dovrebbe provvedere a smaltire in proprio, però qualche dubbio ci è sorto:

- Perché non si è provveduto ad esprimere tale manifestazione di interesse attraverso l'ARO?
- Quale è la data in cui la  Green Project srl ha manifestato l'interesse a costruire un impianto di  compostaggio nel nostro territorio?
- Per quale motivo la Giunta Comunale ha ritenuto di intervenire sul Piano Regolatore, visto che i millantati terreni disponibili ricadono in zona agricola, a ridosso della zona alluvionale e nei pressi di un nuovo caseificio, nonché masseria didattica, finanziato con fondi europei (soldi anche nostri), se detto impianto è a tutti gli effetti un’industria  e  come tale andrebbe allocato nella zona industriale?

Non sarebbe stato meglio progettare di utilizzare i finanziamenti pubblici per la costruzione di un impianto pubblico, in un posto più idoneo e, soprattutto,  di piccole dimensioni  e, quindi, sottoposto a maggior controllo, oltre che molto meno inquinante? Non dimentichiamo che l'Italia sta rischiando la "procedura d'infrazione", con una multa salatissima da parte dell'Europa, proprio per i livelli elevati d'inquinamento atmosferico!

In attesa di una Sua risposta, Le porgiamo un buon lavoro.

                                                                                                              
(La segreteria del Partito della Rifondazione Comunista)





 

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: